FLASH SALEFLASH SALE
-20%
Per la REGISTRAZIONE e l'ABBONAMENTO annuale
le promozioni non sono cumulabili
13 Numero di pacchetti rimanenti

Le migliori offerte di stock da 150 paesi

Più di 100 000 utenti soddisfatti

Offerte a prezzo piu basso fino al 90% del prezzo iniziale

Contatto diretto con rivenditori e grossisti

Se stiamo aprendo una boutique o un negozio di abbigliamento - da dove prendere la merce?

Se stiamo aprendo una boutique o un negozio di abbigliamento - da dove prendere la merce?

Avere un'attività propria è probabilmente il sogno di ogni persona. Molte persone non sono consapevoli degli impegni del titolare - questo articolo dovrebbe diventare un piccolo compendio di conoscenze sulla creazione di una propria attività nel settore dell'abbigliamento.


Quando si crea la propria azienda, tutti i documenti e gli aspetti legali sono naturalmente estremamente importanti, che determinano la creazione dell'azienda desiderata. Inoltre, il locale - la questione del locale non può essere una decisione presa in fretta, piuttosto una decisione molto ben ponderata, perché è lì che dovremo collocare tutti i vestiti che intendiamo commercializzare.

Da dove prendere i vestiti per al vendita in una boutique? Che tipo di merce acquistare?

Queste sono le domande che si porranno i futuri proprietari di negozi di abbigliamento e piccole boutique. La risposta è semplice, ma non così ovvia per tutti. Ci sono molti modi per ottenere beni di abbigliamento di massimo valore, ma faremo riferimento ai migliori.

Grossisti fissi e online

Il modo migliore per ottenere un assortimento di abbigliamento è quello di visitare i grossisti fissi o di navigare sui siti web dei grossisti alla ricerca della merce che vogliamo. Questa opzione all'inizio ci permette di ottenere merci all'ingrosso e a lungo termine. È estremamente importante determinare il gruppo target per il quale la merce sarà acquistata.

Abbigliamento dall'estero 

Il sourcing di abbigliamento dall'estero è molto popolare - sia il mercato occidentale che quello orientale si stanno aprendo sempre di più e offrono l'opportunità di ottenere un assortimento di buona qualità.

China - il mercato più popolare per importare vestiti è naturalmente la China - vestiti e scarpe importati da lì sono allettanti con un prezzo molto basso e una vasta selezione di modelli e colori, che si traduce in un'offerta estesa per i clienti. È importante che la fattura includa il nome dei vestiti, la composizione, il peso netto e il peso lordo. Inoltre, è necessario pagare il 12% di diritto doganale e il 22% di IVA.

Ingliterra - un altro importatore popolare è l'Inghilterra - Primark, Next, Atmosphere e molte altre aziende attirano la tentazione con la loro offerta. La mancanza di dazi doganali nell'Unione Europea alimenta ulteriormente questa soluzione, ma il costo totale di un determinato assortimento con la GB si rivela non redditizio, a meno che non si tratti di un usato o di un outlet. 

Stati Uniti - anche gli Stati Uniti sono un'ottima soluzione, soprattutto quando si tratta della vendita di capi di abbigliamento di produttori non facilmente accessibili, come GAP, Banana Republic o American Eagle. Se si desidera importare vestiti dagli Stati Uniti, è necessaria una licenza appropriata, che confermerà che non si danneggia il produttore. Ottenerlo non è una cosa facile - l'alternativa è aprire un outlet con abiti provenienti dagli USA, tuttavia, per questa soluzione abbiamo bisogno anche del consenso del produttore, e non tutti vogliono apparire sul mercato orientale. Oltre alla licenza, abbiamo il 2% di dogana e il 23% di IVA.

India - recentemente, la popolarità della cultura e dello stile asiatico è cresciuta, il che porta con sé l'opportunità di guadagnare sull'assortimento asiatico. L'importazione di abbigliamento dall'India è interessante perché, come l'assortimento cinese, l'abbigliamento indiano è economico e redditizio da importare. Inoltre, è un prodotto molto appariscente - affascinato dai colori originali e dal design unico è venduto nel paese sia per quanto riguarda l'abbigliamento, le calzature, sia per quanto riguarda l'arredamento e l'interior design.

Unione Europea - l'importazione di abbigliamento dall'estero è uno dei modi più popolari per rifornire le boutique e i negozi di abbigliamento in Italia. La presenza dell'Unione Europea ha creato nuove opportunità per gli imprenditori - l'importazione di vestiti e scarpe dai paesi dell'UE non richiede permessi speciali e, soprattutto, non è soggetta a dazi doganali. Inoltre, la vicinanza dei paesi europei permette di rifornire i negozi in modo semplice e veloce e di scegliere un numero illimitato di prodotti.

 

Naturalmente, l'ampio mercato offerto dalla Cina o dall'India e i prezzi allettanti di particolari assortimenti sono piuttosto competitivi per il mercato europeo, ma tutto dipende dall'imprenditore - la dimensione delle merci importate, la cooperazione e la diversità degli assortimenti avranno un impatto finale sulla scelta del fornitore e sull'assortimento finale che inizieremo a commercializzare.

Le questioni di cui sopra devono ancora essere ulteriormente chiarite - se intraprenderemo una collaborazione con un produttore straniero per conto nostro o se la affideremo a persone che si occupano quotidianamente di tali attività. Vale la pena informarsi sul mondo degli affari e trovare importatori adatti che si occupino per noi di importare l'assortimento da un determinato paese - si faranno carico di tutti i compiti che ci spetterebbero: documentazione, permessi, trasporti adeguati, ecc. 

Autore:
Merkandi - piattaforma internazionale di commercio all'ingrosso

Merkandi - piattaforma internazionale di commercio all'ingrosso

Merkandi è la piattaforma internazionale di commercio all'ingrosso, con merce proveniente da eccedenze, liquidazioni, aste fallimentari, fine attività, ritorno dai clienti ecc.

Voce successiva
NEWSLETTER Gratuita

Ogni giorno aggiornamenti sui nuovi prodotti e sulle novita provenienti da Merkandi.